News

Approvato il “CODICE ROSSO” contro la violenza sulle donne

Posted by:

Il Governo, di concerto con il Dipartimento delle Pari Opportunità, sta attuando un vero e proprio piano di azione di contrasto alla violenza sulle donne, nell’ambito del quale si inserisce il nuovo “CODICE ROSSO”, disegno di legge proposto dai Ministri della Giustizia Alfonso Bonafede e della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno, approvato dal Consiglio dei Ministri n. 29, riunito a Palazzo Chigi il giorno 28 Novembre 2018.

L’obiettivo principale di tale intervento normativo è una maggior tutela alle vittime di maltrattamento, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni, commessi in contesti familiari o nell’ambito di relazioni di convivenza, che sarà attuato tramite la tempestiva adozione di interventi cautelari o di prevenzione.

Tra le principali novità introdotte:

  • Integrazione dell’art. 347 c.p.p. che prevede l’obbligo per la polizia giudiziaria di comunicare al P.M. le notizie di reato relative anche ai delitti di maltrattamento, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate commessi in contesti familiari o nell’ambito di relazioni di convivenza;
  • Introduzione di una presunzione d’urgenza per queste tipologie di reato, per cui la polizia giudiziaria dovrà comunicare il fatto al P.M. senza ritardo;
  • Garanzia del diritto alla vittima di essere ascoltata entro 3 giorni dalla notizia di reato;
  • Obbligo di formazione specifica per gli operatori di polizia, arma dei carabinieri e corpo di polizia penitenziaria per i fenomeni in questione;
  • Istituzione di un Fondo ad hoc in favore delle vittime di violenza e realizzazione di Centri antiviolenza territoriali per il pronto intervento, ove sarà fornito il primo supporto legale e psicologico con possibilità di ospitare donne vittime di violenza nella fase intermedia che dalla decisione di denunciare alla presa in carico da parte dei centri antiviolenza.

Per ogni ulteriore informazione è possibile consultare direttamente il sito ufficiale del Governo italiano www.governo.it

0